Category Archives: Web e social

Pubblicità in rete: come farla in modo utile e poco costoso

Internet è un’interessante piazza per chi intende pubblicizzare la sua attività imprenditoriale. Questo mezzo di comunicazione offre diversi vantaggi rispetto ad altri, che oggi possono risultare superati. Del resto ormai sono tantissimi gli italiani che utilizzano internet per ottenere informazioni di ogni tipo, anche quelle commerciali. Da alcune ricerche inoltre risulta che un’elevata percentuale di nostri connazionali trascorrono diverse ore al giorno sul web, connettendosi soprattutto dallo smartphone e l’80% del tempo lo passano alla ricerca di news e informazioni di vario genere. Non approfittare di questo tipo di mezzo di comunicazione anche per fini pubblicitari sarebbe, da parte delle aziende, del tutto sconsiderato. Continue reading

Published by:

Comprendere la SEO

Se andiamo a leggere qualsiasi sito dedicato al web marketing, scritto da qualche improvvisato guru, noteremo che spesso parla in modo criptico, volendoci comunicare che il suo campo è molto complicato. È vero che la search engine optimization (SEO) richiede una professionalità non comune e conoscenze che vanno oltre la semplice infarinatura, ma non è una materia che non possa essere carpita e appresa con le giuste dritte.

I seo specialist migliori vi diranno che hanno iniziato prendendo un sito e posizionandolo, cioè facendo dei test volti a verificare l’esattezza di alcuni parametri e come le modifiche incidano sugli stessi e sulla posizione di un sito (vedi serviziposizionamento.com per una panoramica sulle tecniche). Ma per comprendere la SEO non serve molto, almeno nei principi base, che adesso andiamo ad elencare.

Anzitutto Google è molto cambiato dal passato. La continua evoluzione del motore di ricerca ha fatto in modo che oggi si prediliga la qualità alla quantità. Google ha sfornato negli anni una serie di algoritmi volti a regolare il comportamento del motore di ricerca durante il percorso di indicizzazione.

Vediamoli da vicino:

  • Update Panda, con questo update risalente al 2011 Google ha penalizzato le cosiddette content farm, cioè quei siti contenitori basati su articoli di scarso valore, spesso duplicato, che occupavano le pagine dei risultati semplicemente combaciando con la parola chiave. Inoltre venivano colpiti gli aggregatori di news e feed da altre fonti, creati al solo scopo di attirare click verso i banner pubblicitari. Conseguenza? Google penalizza i siti con contenuti di scarsa qualità.
  • Update Penguin, l’anno dopo nel 2012 esce l’aggiornamento Penguin che principalmente riguarda il profilo di link in entrata nei siti. Google giudica e organizza l’indice anche attraverso il calcolo dei link in entrata a favore di un sito, ma come sappiamo è facile creare un profilo di backlink artificiale. Penguin interviene per combattere questa alterazione, punendo quei siti troppo disinvolti nel raccogliere link irrilevanti, di scarsa qualità, basati sulla massa, che usano parole chiavi standard e di monetizzazione in modo ripetitivo, abusato.
  • Rankbrain e Hummingbird hanno ridefinito i confini di Google e la capacità del motore di avere informazioni dai siti e fornire all’utente. Grazie a questi algoritmi Google oggi sa che se l’utente cerca una determinata parola chiave, probabilmente è interessato a conoscere informazioni di tipo supplementare.

Interpretando questi update è possibile capire quali debbano essere i requisiti di una pagina web affinché Google la consideri per i risultati in prima pagina: dev’essere autorevole, con un contenuto originale e interessante per il lettore, non deve raccogliere link artificiali di bassa qualità, deve avere informazioni che possono essere condivise e che danno un resoconto globale dell’argomento di cui stiamo trattando.

Questo resoconto globale significa in poche parole che la pagina deve parlare dell’argomento in modo esaustivo, non nel senso enciclopedico del termine, ma che deve far combaciare le informazioni fornite a quelle richieste.

Così, se sto cercando dei voli low cost, la pagina più utile non sarà quella che mi spiega cosa sono i voli low cost, ma quella che mi presenta un motore di ricerca che porta a un comparatore di prezzi delle offerte, sulle quali posso cliccare in modo sicuro, per poter fare la mia prenotazione.

L’attendibilità dei siti, insomma, dipende da molti fattori: l’autorevolezza globale, l’aderenza delle informazioni fornite rispetto a quelle cercate, la sicurezza e la velocità nella navigazione, la velocità di scaricamento delle informazioni.

Published by: