• Benessere

    In forma con il ginseng

    Le-piante-che-danno-la-giusta-carica

    Siamo pronti a confermare che il ginseng è la scelta migliore per combattere la spossatezza e i problemi relativi al malessere generale. Stiamo parlando di un aiuto naturale che permetterà di accedere a preziose vitamine che offrono tanta salute e bellezza.
    Quali sono le proprietà naturali del ginseng? Una radice originaria della Corea e della Cina, che appartiene alle famiglie delle Araliacee e disponibile in commercio in diverse tipologie. Le azioni che propone a tutto il corpo troviamo azioni antiossidanti, antipiretica, e tonica.
    Sono solo alcuni dei dettagli che rendono popolare questa radice, per quale motivo utilizzarla per la salute e la bellezza? Il Ginseng è ricco di proprietà e benefici che vi faranno sentire bene per un sacco di tempo. L’azione più attiva è quella ipocolesterolemizzante, ipotensiva e vasodilatatrice.
    Assumere ogni giorno una dose di questa radice, permette di combattere i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e i valori della pressione sanguigna. Lo scopo per ricevere questi effetti è quello di bere ogni sera a base di ginseng miscelando 15 gr di estratto secco in 200 ml di acqua bollente.
    Una bevanda energizzante e stimolante, un tonico perfetto per il corpo e la mente, capace di aiutare l’organismo a sostenere un’intensa attività mentale e fisica. Se ogni giorno dovete sostenere attività fisica piuttosto intensa, ricordatevi che il ginseng può essere un valido alleato, riduce i livelli delle tossine nel sangue e al contrario, favorisce la benefica ossigenazione.
    L’aiuto arriva anche alla vostra mente, il ginseng migliore la reattività della memoria e le capacità di apprendimento aumentando anche la soglia di attenzione. Ideale per chi studia e lavora a ritmi intensi e sceglie di vivere l’esperienza migliore in assoluto per conoscere il lato migliore di questo prezioso aiuto naturale.

    Published by:
  • Benessere

    Alimenti cancerogeni da evitare

    sale
    In commercio vengono spesso venduti dei prodotti considerati cancerogeni senza che la clientela venga avvisata, per questo motivo il desiderio è quello di vivere delle esperienze di altissima qualità e selezionare tutti gli alimenti cancerogeni da evitare e da tagliare fuori dalla propria alimentazione.
    Quali sono gli alimenti più cancerogeni da evitare?
    Avete presente tutti i grassi idrogenati? Non parliamo di un solo alimenti, in commercio sono tantissimi i prodotti che integrano questi elementi e soprattutto i prodotti da forno sono quelli più pericolosi. Fate attenzione a merendine e biscotti e margarina, meglio controllare sempre l’etichetta di ogni alimento prima dell’acquisto.
    Un consumo eccessivo di carne rossa, può aumentare il rischio della comparsa di diversi tumori e soprattutto questo elemento può causare seri danni provocando il tumore al colon, quindi meglio evitarne o ridurne il consumo a 300 grammi la settimana. I cibi in scatola con un elevato contenuto di conservanti, sono da escludere e se possibile meglio optare per i cibi freschi di stagione.
    Massima attenzione anche alle bevande gassate e zuccherate, le bibite disponibili in commercio sono ricchi di zucchero e dolcificanti. Quello più pericoloso è l’aspartame, quindi limitate i prodotti e scegliete con cura quelli meno danno disponibili in commercio.
    Utilizzate spesso il dado nella vostra alimentazione? Fate attenzione, questo alimento ha un grande contenuto di glutammato ed entra nella lista dei prodotti che causano il tumore. Nonostante venga utilizzato al massimo in ogni piatto, anche il sale influisce in maniera negativa sul sistema cardiovascolare aumentando i livelli di ipertensione al massimo e provocando anche infarti.
    Spesso è la causa del tumore allo stomaco, quindi limitate il suo utilizzo.

    Published by:
  • Pavimenti

    Guida all’acquisto di pavimenti in parquet a Milano

    pavimenti parquetLa scelta della pavimentazione giusta per la vostra casa è molto importante. Se avete optato per il parquet ora dovete tuttavia riuscire a districarvi tra le innumerevoli scelte di questa tipologia di pavimenti in legno. Analizziamo le caratteristiche salienti, quindi anche vantaggi/svantaggi di ogni eventuale scelta all’interno sempre del mondo dei pavimenti parquet Milano. Milano perché in questo caso troverete anche alcuni consigli per l’acquisto a Milano, ma il resto dell’articolo contiene consigli generali validi per tutti.

    Parquet tradizionale o massello: Il parquet in legno massello è composto totalmente da uno strato di legno nobile. Ha il vantaggio di durare più a lungo, potendo essere levigato molte volte ed offre un isolamento termico notevole. Ha gli svantaggi di essere molto costoso, non essere adatto per case con riscaldamento a pavimento e la necessità di maggior tempo per l’installazione e la manutenzione.

    Parquet prefinito: Uno strato (più sottile) di legno nobile è fissato su un supporto di legno povero. Ha i vantaggi di essere posato velocemente e in modo più economico. Gli svantaggi sono una minor durata (può comunque durare dai 30 ai 60 anni) dovuta al fatto che può essere levigato meno volte, ed un minor isolamento termico.

    Parquet laminato: Lo strato superiore è in plastica colorata con l’essenza del legno desiderata. Il supporto in legno povero da stabilità alla superficie. Ha il vantaggio di costare generalmente meno del parquet normale, è facile da posare e può essere in alcuni casi anche smontato e riutilizzato. Gli svantaggi sono dati semplicemente dal fatto che non si ha una superficie davvero in legno, ma un’imitazione del vero legno. Negli ultimi anni tuttavia la differenza si sta sempre riducendo in quanto le tecnologie del parquet laminato migliorano sempre più.

    Parquet industriale: Piacevole alla vista, anche se normalmente snobbato dai più, il parquet industriale è un pavimento robusto adatto anche a grande traffico quali ospedali o centri commerciali. Si compone di tanti listelli di piccole dimensioni assemblati per formare un parallelepipedo. Lo spessore verticale è importante, il costo è ridotto poiché vengono usati piccoli pezzi di legno e c’è la possibilità di levigarli molte volte.

    Parametri da confrontare:

    I principali parametri da confrontare nell’acquisto di un parquet, per saggiarne a pieno le caratteristiche tecniche ed il prezzo a cui vi viene proposto:

    • Essenza del parquet
    • Spessore del listello (10-22mm)
    • Strato di legno nobile (4-20 mm)
    • Scelta (rigatino, prima scelta, seconda scelta, nodino)
    • Lunghezza del listello (listelli più lunghi costano di più)

    Tipi di posa:

    Ci sono un’infinita scelta di tipi di posa, quelli che riportiamo brevemente ora sono i più utilizzati e vi serviranno per districarvi tra preventivi e proposte dei vari negozianti.

    Posa flottante: Gli elementi vengono posati su un piano livellato e gli incastri tra i listelli sono uniti tramite colla vinilica. Questo tipo di posa prevede dei listoni di grande dimensione, ha il vantaggio di costa mediamente meno, ma necessità di un materassino fonoassorbente da mettere sotto al pavimento. Questo evita diversità nel rumore del calpestio e farà più felici i vicini del piano sottostante.

    Posa incollata: Utilizzata per listelli più piccoli, è un metodo di posa veloce e pratico che necessita tuttavia di un fondo ben preparato e piano. Una volta incollato, il parquet può essere usato già dopo poche ore.

    Posa inchiodata: usata per il listone tradizionale di spessore 22 mm con incastri mascchio / femmina. Gli elementi vengono incastrati tra loro e poi inchiodati. Deve essere inchiodato su magatelli di legno immersi nel sottofondo cementizio.

    Posa spina di pesce: Gli elementi sono sfalsati uno rispetto all’alto e ortogonali tra loro. Vengono utilzzati per case d’epoca e grandi saloni. L’effetto ottico che si ottiene è tuttavia quello di restringimento visivo dei locali.

    Dove acquistare pavimenti in parquet a Milano?

    A Milano ci sono numerosi centri che si occupano della vendita del parquet e della sua posa. Prima di comprare effettuate numerosi preventivi per pavimenti parquet Milano sempre in ottica di ottenere la massima qualità al giusto prezzo. Se il vostro intento è solo di risparmiare, il parquet non fa per voi, essendo un prodotto in cui la qualità, se c’è, si paga. Ma ne sarete soddisfatti. Optate se possibile per piccole attività imprenditoriali, anche di città vicine, tipo Bergamo o Varese, poiché un’impresa dalle piccole dimensioni può offrirvi prezzi più vantaggiosi sulla fornitura e sulla posa, ma soprattutto cura i dettagli in modo più preciso, per fornirvi un parquet posato a regola d’arte.

    Published by:
  • Addominali

    I veri esercizi per addominali

    esercizi addominaliSiete alla ricerca dei veri esercizi per addominali? E’ arrivato il momento di dire basta alle truffe commerciali che invadono i nostri centri commerciali, nella maggior parte dei casi si tratta di cibi spazzatura sponsorizzati come alimenti dietetici.

    L’unica cura per dire addio alla pancetta sono gli esercizi per addominali, una variante suggestiva e pronta ad offrire tutte le alternative migliori in assoluto. Vi piacerebbe realmente accedere alle funzioni per dire addio al grasso addominale? Il blog di Mike Geary è un buon punto di partenza leggere l’ebook vi farà riflettere sulle tipologie di truffe che esistono in commercio.

    Quindi assicuratevi di poter vivere la scelta migliore, non dovete mettervi a seguire una dieta ferrea, ma integrare gli alimenti salutari al posto delle schifezze. Non avete mai sentito parlare della possibilità di diminuire il senso di fame in maniera naturale e senza utilizzare pillole dimagranti?

    Da oggi potrete scegliere le verdure che sciolgono via il grasso dalla pancia e scoprire quali sono i reali esercizi addominali che vi aiuteranno ad ottenere dei risultati interessanti. Su questo argomento c’è molta confusione le idee di allenamento imposte dalla moda non sempre vanno bene per tutti.

    Imparate a seguire i consigli alimentari per dimagrire e per costruire i muscoli e vi accorgerete che le possibilità a vostra disposizione sono innumerevoli. Visitando il sito Addominali Perfetti scoprirete tutto quello che c’è da sapere sulle altre argomentazioni, potrete vivere le scelte ottimali e curarvi maggiormente delle esigenze di alto livello.

    Per iniziare a fare sul serio prendete spunto di tutte queste informazioni e poco alla volta vi accorgerete di non poter fare a meno di vivere l’allenamento in maniera professionale e unica la cura per i vostri addominali.

    Published by:
  • Nodi cravatte: il nodo americano

    nodo delle cravattaIl nodo americano è di dimensioni abbastanza importanti specialmente pensato per cravatte imbottite e abbastanza larghe. Questo nodo ha ottenuto quasi subito un successo molto interessante diventando per un lungo periodo di tempo il nodo presidenziale. L’americano è stato portato dentro la casa bianca dal presidente Richard Nixon. Questa tradizione è stata poi portata avanti da Gerard Ford e Jimmy Carter. Il nodo americano varia però dagli Stati Uniti d’America all’Europa. Se infatti negli Stati Uniti è fatto esclusivamente su cravatte di dimensioni elevate nel Vecchio Continente questo nodo viene fatto praticamente su tutti i tipi di cravatte.

    Bisogna dire che questo nodo E’ consigliabile comunque adoperare questo nodo su camicie a colletto all’americana ovvero fermato con i due bottoni. Il nodo americano non è particolarmente complicato. E’ possibile eseguirlo in pochi passi e senza grandi patemi d’animo. Dopo aver messo la cravatta al collo è necessario sovrapporre la gamba alla gambina compiendo quindi un giro intorno ad essa per poi entrare nel doppino formatosi intorno al collo dal quale dovrà essere poi estratto.

    A questo punto il lavoro è quasi terminato. Per concludere definitivamente questa operazione il colletto deve essere tirato e stretto. Il nodo americano è in effetti uno tra i più diffusi in assoluto. Probabilmente questo successo è dovuto alla semplicità del nodo americano. Questo è chiamato anche il nodo four-in-hand, nodo semplice o nodo del principiante. Questo nodo è definito però poco elegante visto il suo nodo asimmetrico. E’ quindi consigliabile non adoperarlo nelle occasioni che impongono una certa formalità anche se comunque è veloce e semplice da realizzare. Il nodo americano ha un’alta popolarità sfiorando addirittura il 70 %. Questo nodo si è evoluto molto nel corso degli anni arrivando a raggiungere attualmente solo nove centimetri, per altri nodi un ottima risorsa è il sito www.nodocravatta.com. All’inizio questo nodo aveva un’ampiezza maggiore seppur di poco.

    Published by:
  • Torte ad hoc per divorzi: la bizzarra moda degli ultimi anni

    decorazioni torteQuando parliamo di decorazioni torte siamo soliti pensare a qualche festeggiamento in vista, ma nel corso degli ultimi anni sembra proprio che le torte siano state reinventate sotto tutt’altra chiave. Pensate, infatti, che ad oggi v’è chi si fa realizzare una torta su misura per festeggiare la fine di una storia d’amore: dolci ad hoc per separazioni e divorzi sono parte di una delle mode più bizzarre degli ultimi anni.

    Non solo compleanni, battesimi, matrimoni e via dicendo. Ora la realizzazione delle torte prende in seria considerazione anche tutto quel che potrebbe in qualche modo riguardare il concetto di libertà, e quale migliore occasione per essere liberi se non dopo la conclusione definitiva di un rapporto sentimentale? Questa moda produce effetti benefici alle persone che sono protagoniste della ormai vecchia storia d’amore, perchè permette di prendere con il dovuto sorriso e con un pizzico di ironia anche una delle fasi apparentemente più difficili di vita.

    E a proposito di separazioni e divorzi, com’è la situazione attuale italiana? Secondo i recenti dati ISTAT aggiornati all’anno 2011, risulta che le separazioni siano state 88.797 e i divorzi 53.806 confermando così una certa stabilità se messi a confronto con i dati registrati nell’anno precedente. In un’ottica di paragone su più ampio termine, però, risulta che entrambi i fenomeni siano aumentati notevolmente: ci basti pensare che nel 1995, su un campione di 1.000 matrimoni, le separazioni erano 158 mentre i divorzi 80; nel 2011 invece, sullo stesso campione di 1.000 unità sono state rilevate 311 separazioni e 182 divorzi.

    Per quanto riguarda la diffusione geografica dei due fenomeni, il Nord Ovest è l’area più interessata dalle rotture di coppia (circa 378 separazioni su 1.000 matrimoni) mentre il minimo lo si è registrato nel Sud Italia (con 232 separazioni su 1.000 matrimoni).

    Published by: