• Scrivere articoli per il web: un modo per sconfiggere la crisi con le proprie forze

    scrivere per il webLa professione dell’articolista si sta affermando nel nostro presente in modo sempre più attivo e vivace. Si tratta di un lavoro che può essere svolto da casa o da postazioni esterne e che si basa sulla redazione e la consegna di articoli tematici, realizzati per conto terzi. Attenzione, l’articolista può lavorare anche per conto proprio se gestisce blog personali, quindi trarre guadagno dall’inserzione pubblicitaria e dalla corretta gestione dei canali social.

    Quali sono le doti di un buon articolista, come spiegato dal blog http://www.sconfiggilacrisi.it/blog/ Innanzitutto questo mestiere richiede una buona preparazione relativa alla scrittura, alla grammatica e alla punteggiatura. E’ impensabile che le persone prive di queste competenze possano esercitare la professione, anche se l’universo del web si propone più leggero e meno rigido della carta stampata. Alla formazione umanistica, la professione dell’articolista chiede di associare un ottimo spirito di organizzazione, una perfetta capacità di reperire le informazioni da elaborare e una decisa velocità nella redazione dei pezzi.

    I guadagni dell’articolista si presentano molto variabili, in quanto la remunerazione si basa essenzialmente su tre fattori:

    1- la quantità di articoli scritti

    2- la particolarità degli articoli

    3- la destinazione.

    Ovviamente un post di gossip di poche parole verrà retribuito molto meno rispetto ad un articolo sulle pratiche di coltivazione delle orchidee! La conoscenza approfondita di determinati settori, come il tech, la salute o la bellezza, sono ad esempio delle doti che aiutano l’articolista a specializzarsi e ad operare con commesse che interessano il suo campo di azione.

    Per lavorare in questo settore molte sono le vie percorribili, dalla scrittura di articoli conto terzi, fino all’iscrizione alle piattaforme di scrittura quali Melascrivi o Greatcontent per citare le più operose e diffuse. Si tratta di portali dove le persone si iscrivono e, dopo avere eseguito un test di ammissione che rileva le capacità di scrittura, possono scegliere di prendere in carico eventuali articoli, scrivendoli entro tempi stabiliti e quindi vedendosi riconosciuta la relativa retribuzione.

    Published by:

  • Lago di Garda – accoglienza tra storia passata e presente

    lago di garda dall'altoAltrettanto importante, per un turista che approda al Lago di Garda, quanto la necessità di trovare alcuni validi posti in cui poter pranzare, cenare e rifocillarsi, è la ricerca di un buon hotel in cui sostare ed essere accolti con i giusti comfort per far sì che ci si possa ritrovare come a casa propria. Anche in questo caso, il Lago ci offre la possibilità di avvicinarci ad alcune scelte tradizionali, in cui il passato della struttura ospitante si fonde ottimamente con i servizi moderni offerti.

    Un tipico esempio è costituito dall’Hotel Meridiana Sirmione, situato proprio nel centro storico della città, che trova il suo cuore centrale in una villa imponente e tranquilla costruita nei passati anni Cinquanta, ottimamente ristrutturata ed al passo con i tempi, situandosi inoltre accanto ad uno stabilimento termale a portata di mano e le magnifiche spiagge, servendo i clienti con l’ospitalità che da sempre lo caratterizza.

    Le camere sono oltre venti, di cui alcune pensate appositamente per i turisti con difficoltà motorie, oltre ad offrire veri e propri “lussi”: aria condizionata presente a scelta, possibilità di accedere al minibar, TV con ampia selezione di canali da satellite, strumenti di sicurezza (tra cui cassette rinforzate di protezione) per i propri averi, biblioteca annessa, un servizio bar con scelte di cocktail gradevoli e l’inseparabile Wi-Fi, ricevibile senza difficoltà nei dintorni di tutta la struttura. Importante inoltre il panorama dell’hotel: grazie all’ampia terrazza che punta al Solarium, la vista del lago è sempre presente; gli ambienti circostanti saranno inoltre percorribili grazie al servizio di prenotazione di escursioni reso disponibile dall’hotel lago di Garda. L’accessibilità è inoltre garantita ai clienti che accompagnano i propri amici animali, per una vacanza con ogni optional, senza rinunciare né dimenticare nulla a casa, godendosi appieno il meritato relax.

    Published by:
  • Idee regalo per una laurea

    laurea

    Quando si parla d’idee regalo per una laurea ci sono sempre tantissime persone pronte a dare consigli, ma non sempre a risolvere il problema. Cosa regalare a chi ha appena raggiunto un traguardo così importante, evitando di cadere nella banalità? Ecco qualche rapido suggerimento al proposito.

    Chi vuole stupire un neo laureato con un regalo speciale può optare per un dono legato al relax. Una giornata in una spa, un trattamento estetico, un percorso benessere da vivere assieme al partner. Queste sono idee davvero speciali, che possono rappresentare delle alternative in grado di lasciare a bocca aperta chi ha appena terminato gli studi universitari, e ha voglia di lasciarsi alle spalle lo stress dei libri.

    Un’altra opzione interessante anche se molto classica è il viaggio. Si tratta di un’idea che funziona sempre, e che permette al neo dottore sia di rilassarsi, sia di vivere in maniera piena una passione culturale, magari legata al suo percorso di studi.

    Un’altra idea regalo perfetta per una laurea può essere legata alla tecnologia. Parlare di device tecnologici significa entrare nel cuore di tantissime persone, che li utilizzano sia lavoro, sia per il tempo libero.

    Regalare a un neo laureato un tablet top di gamma o l’ultimo smartphone del suo brand preferito può essere una validissima alternativa per lasciarlo a bocca aperta. Un’altra opzione da non scartare è quella del cofanetto regalo legato a un’esperienza. Un’ora di guida di una macchina sportiva, un lancio con il paracadute, un buono per una lezione del suo sport preferito: ecco solo alcune delle idee che possono essere valide per un regalo di laurea.

    Visto che abbiamo parlato di corsi, perché non concentrare l’attenzione in particolare su quelli e non optare per un corso di lunga durata, legato a una passione o a un progetto di lavoro da portare avanti dopo la laurea? Anche in questo caso non si sbaglia, e si è soprattutto sicuri di aver scelto un dono utile!

     

    Published by:
  • Contrastare la stitichezza con rimedi naturali

    olio rimedio per la stitichezzaI problemi relativi alla stitichezza, possono essere un gran fastidio e causare disagi per un sacco di tempo alle persone che ne soffrono. Esistono dei rimedi naturali contro la stitichezza che permettono di stimolare e aiutare la situazione del pavimento pelvico.

    La normale contrazione dei muscoli è essenziale per favorire il normale svuotamento del retto, quando si presenta una certo debolezza a questo livello, possiamo parlare sicuramente di stitichezza, una condizione comune soprattutto dopo il parto e la gravidanza, nelle persone obesi, donne in menopausa.

    Come risolvere il problema?

    Oltre al consiglio di frequentare la palestra o fare esercizi per tonificare i muscoli addominali, appena svegli provate anche a bere un bicchiere di acqua, aumentare l’apporto dei liquidi è importante e per questo è sempre meglio avere con sé una bottiglietta di acqua al lavoro o in ufficio e in palestra.

    I rimedi naturali offerti dalla natura sono il consumo di: frutta, verdura, semi e cereali integrali ricchi di fibre, residui alimentari che vengono digeriti con una certa velocità. Il consiglio è quello di consumare anche 5 o 6 porzioni di frutta e verdura, a colazione preferite i cereali integrali e i fiocchi di crusca. O i fiocchi di riso con cioccolato.

    Considerate che l’aumento eccessivo delle fibre, può aggravare la stitichezza e causare crampi addominali con eccesiva produzione di gas. Gli esperti confermano che la massiccia assunzione di crusca a scopo terapeutico, riduce in maniera sensibile l’assorbimento intestinale di calcio, zinco, magnesio e fosforo.

    Inoltre esistono dei lassativi naturali come i semi di lino e di psillo, la gomma di guar, l’agar e la pectina che aiutano naturalmente l’organismo. Nei casi in cui non si riesce a risolvere il problema è meglio rivolgersi al medico per evitare ogni danno e problema che può causare disturbi anche invalidanti. Per avere un manuale a portata di mano potete scaricare anche l’ebook stitichezza rimedi.

    Published by:
  • Quali sono i rischi del trading binario?

    trading binIl trading binario è davvero la macchina da soldi che si dice? Oppure è una fregatura? Quali sono i rischi che si possono correre quando si decide di diventare trader di opzioni binarie? Sono tutte domande che un buon aspirante trader dovrebbe porsi, perché il trading binario può anche comportare delle perdite. I rischi ci sono e sono di varia natura, cerchiamo di analizzarli con questo articolo.

    Il rischio della piattaforma di trading

    Il rischio in assoluto più grande quando si fa trading binario è legato ad una scelta equivocata della piattaforma di trading. Ad esempio scegliere una piattaforma che non è autorizzato e regolamentato significa rischiare di perdere tutti i propri soldi. Più in generale, il rischio è anche quello che la piattaforma sia sicura e affidabile ma comunque non adatta. Pensiamo ad esempio ad una piattaforma che non abbia un bonus di benvenuto e abbia dei rendimenti bassi. Anche se fosse autorizzata CONSOB, i guadagni che si potrebbero ottenere da una simile piattaforma sono molto bassi.

    Il rischio psicologico

    Molto spesso si pensa che coloro che riescono a diventare ricchi con le opzioni binarie siano gli esperti, i grandi strateghi in grado di capire il mercato con una sola occhiata. Balle. Coloro che diventano ricchi sono coloro che riescono a dominare le emozioni e a focalizzarsi sul guadagno. Avere una psicologia da perdente, avere paura di tutto, avere scarsa fiducia in se stesso può essere un modo semplice per perdere denaro. E’ un rischio che spesso viene sottovalutato ma viene subito dopo il rischio di scegliere una piattaforma sbagliata.

    Il rischio di una scarsa preparazione

    Il terzo rischio, in ordine di importanza, è quello di una scarsa preparazione. E’ vero che il trading binario è molto facile da capire ma è anche vero che un minimo di preparazione ci vuole. Cominciare il trading senza questa preparazione, magari senza nemmeno sapere bene come funzionano le opzioni binarie, significa rischiare di perdere tutto in maniera rapida. In ogni caso si tratta di un rischio relativo perché alcuni trader riescono a capire il funzionamento delle operazioni digitali anche solo con l’esperienza. Meglio prevenire che curare, comunque: online ci sono decine di guide, completamente gratuite, al trading binario. Basta sceglierne una e approfondire, in fondo sono sufficienti poche ore.

    Il rischio finanziario

    Fino a questo momento abbiamo esaminato rischi del trading binario che possono essere completamente annullati, adesso passiamo ad esaminare il rischio finanziario che è connaturato al trading. Questo rischio non può essere annullato. È un fatto che molte volte spaventa gli aspiranti trader ma chi ha esperienza sa bene che i mercati sono imprevedibili, non esiste modo per avere la certezza matematica che il trend di mercato si sviluppi in una data maniera. Quando facciamo analisi tecnica, infatti, operiamo sempre con il trend di mercato che ci pare più probabile, ma per quanto la probabilità sia altissima non è mai certezza.

    Il rischio finanziario non si può eliminare ma si può gestire facilmente, ad esempio con un’accorta politica di diversificazione che consente di assorbire facilmente le perdite.

    Published by:
  • Portale la protesi dentale: come vivere sereni con la dentiera

    protesi dentaleNon è sempre facile vivere serenamente con una dentiera. Come fare per portarla nel migliore dei modi? Come alleviare il fastidio della dentiera? Come effettuare le normali operazioni di pulizia?

    Spesso, non tutte le risposte alle domande più frequenti sulle protesi dentarie trovano risposta nelle indicazioni che i dentisti rilasciano; oppure, spesso, problemi o dubbi insorgono solo in un secondo momento, dopo i primi utilizzi. Portare la protesi dentale, al giorno d’oggi, non è decisamente molto semplice: la vita è frenetica, e spesso non si ha il tempo di dedicarsi con assiduità alla manutenzione della protesi o a risolvere i problemi che potrebbero insorgere con un suo assiduo utilizzo.

    Uscendo dallo studio dentistico, il primo dubbio è quello di conoscere i tempi che sarà necessario per potersi abituare all’uso della protesi. Tali tempi, di fatto, variano da soggetto a soggetto in base ad un numero notevole di fattori, in primis sulle proprie attitudini fisiche e psicologiche. Ovviamente, vi sentirete con un… corpo estraneo in bocca, senso che, di fatto, rispecchia la realtà. I primi giorni saranno cruciali per potervi sentire “a vostro agio” anche con la dentiera, anche nelle normali operazioni giornaliere, come sorridere, parlare o masticare. Sono questi i giorni in cui, per abituarvi, è consigliabile portare la dentiera più tempo possibile, anche se doveste avere un aumento di salivazione. Nel caso di arrossamenti o altri problemi simili, è invece consigliato risolvere rivolgendosi al dentista che vi ha installato la protesi, il quale saprà prendere i dovuti provvedimenti.

    Dopo i primi utilizzi, l’alimentazione, nel dettaglio, potrà sembrarvi particolarmente difficoltosa. Iniziate dai cibi semiliquidi, evitando comunque anche in seguito alimenti troppo caldi o troppo duri, da spezzare con gli incisivi. Durante la masticazione, eventuali problemi di adesione tra la gengiva e la dentiera potrebbero causare infiltrazioni di alimenti. Periodicamente, deve essere previsto un controllo dal dentista per verificare eventuali problemi. Per la corretta pulizia della dentiera, è invece necessario compresse detergenti, appositamente studiate per rimuovere eventuali residui di pasta adesiva.

    Tra i fattori salienti da tenere sempre in considerazione, specie se siete i soggetti più diffidenti o scoraggiati, va annoverato indubbiamente anche il fattore estetico, perché sicuramente ne trarrete il giusto giovamento. Utilizzando il sistema di protesi, infatti, l’aspetto del viso dovrebbe essere più armonioso e sostenuto, aumentando lo spazio tra gli zigomi e la mascella. Sicuramente, poi, l’utilizzatore potrà ritornare… ad utilizzare il proprio sorriso, sembrando effettivamente più giovane.

     

    Per approfondimenti puoi visitare la pagina http://www.polident.com/it_it/considerare-protesi.html.

    Published by: