Category Archives: Animali

Ecco le nuove specie scoperte nel 2016

adult-22054_960_720Può sembrare strano – ma solo apparentemente – tuttavia anno dopo anno continuano ad essere scoperte nuove specie viventi, andando ad arricchire il patrimonio di conoscenza a nostra disposizione.

In realtà, però, c’è ben poco di cui stupirsi. Secondo quanto affermano i ricercatori, infatti, sono circa 10 milioni le specie che attendono solo di essere scoperte. Ovvero, ben cinque volte in più del numero delle specie già note. Ma quali sono le scoperte più importanti del 2016?

Sicuramente, in una ipotetica classifica delle specie più rilevanti, trova spazio in prima posizione l’homo Naledi, i cui fossili sono stati trovati in Sudafrica, con caratteristiche che si mescolano con quelle del più noto Australipithecus. Continue reading

Published by:

Buone abitudini per viaggiare con gli animali

Animali

gatto bambinaOramai sono in costante aumento le strutture e i luoghi pubblici dove si presta attenzione alle esigenze di cani, gatti e degli animali in generale. Fuori dai negozi e da altri tipi di attività si trovano spesso ciotole d’acqua dove i nostri amici pelosi possono abbeverarsi, soprattutto d’estate. Sta crescendo, insomma, una certa sensibilità e attenzione nei confronti dei nostri amici a quattro zampe. Continue reading

Published by:

Crocchette per cani, come scegliere le migliori

boxerPiù economico e più facile da gestire, il cibo secco è sicuramente una valida alternativa all’alimentazione di produzione casalinga o industriali. Le crocchette per cani, i cui gusti possono spaziare tra le leccornie più disparate, sono in grado di fornire il giusto apporto di principi nutritivi previsti dal fabbisogno quotidiano del nostro animale. Sotto un profilo puramente pratico, le crocchette sono sicuramente più comode. Oltre a garantire una maggiore freschezza nel tempo, le crocchette per cani possono essere versate in pratici dispenser, così da non lasciare il nostro Fido a corto di cibo.

Il cibo umido, che sia industriale o domestico, è certamente più appetibile rispetto alle crocchette. Ciononostante, il consiglio è quello di non piegarsi troppo la gusto del nostro animale, così da non viziarlo troppo. Le crocchette, pur essendo meno gustose dei bocconcini, svolgono un’importante funzione benefica che coinvolge i denti, svolgendo un’azione di rafforzamento e pulizia.

La differenza sostanziale tra cibo secco e umido risiede nel differente apporto nutrizionale di grassi e vitamine. Il cibo umido, come paté e bocconcini, è ricco di grassi ma carente in vitamine. Nella scelta delle migliori crocchette da acquistare per il nostro cane, tra cui spicca Winner Plus, occorre tenere presenti diverse variabili. Tra le imprescindibili, vi sono l’età, la razza e la taglia.

CROCCHETTE PER CUCCIOLI, ADULTI E ANZIANI

Per quanto concerne il primo aspetto, l’età, le case di produzione vengono incontro ai clienti, con linee studiate per le esigenze di ogni esemplare. In genere, le crocchette rivolte ai cuccioli sono inserite in una linea denominata Puppy. Le crocchette per cuccioli sono ricche di calcio, per il corretto sviluppo osseo del cane. Nella categoria Regular, rientrano invece le crocchette per i cani adulti che svolgano un’adeguata attività fisica.

Per femmine in gravidanza o allattamento, o per esemplari che svolgano un’intensa attività fisica, è opportuno dirigersi verso la linea premium. Per i più pigri o per gli anziani, è possibile acquistare delle crocchette adatte alle loro esigenze, che solitamente si riconoscono nella dicitura Light. Altro aspetto da non sottovalutare, è quello delle dimensioni.

È bene acquistare delle crocchette adeguate alle fauci del cane, che non siano né troppo grandi, né troppo piccole. Nel primo caso, il cane potrebbe avere difficoltà nella masticazione, mentre i croccantini troppo piccoli potrebbero causare la deglutizione accidentale di pezzi interi, rendendo difficoltosa la digestione.

Published by:

Il cane è una responsabilità

Animali

cucciolo1

Quando si vedono i cuccioli in casa di amici può sembrare facile addestrare un piccolo amico peloso per avere un nuovo compagno di avventura ma fate attenzione perché nella maggior parte dei casi non è così. Molti bambini insistono per avere il cane ma non sanno che si tratta di una grossa responsabilità, il cane sporca ha bisogno di attenzione, affetto, fiducia e di cure.
Quindi prima di pensare al cane come a un pupazzo, scegliete la possibilità di pensarci almeno tre volte. No n fate come fanno moltissimi padroni che portano a casa un cucciolo di labrador e poi se ne vogliono liberare perché il cane diventa troppo grande. State attenti alla ragazza e informativi sul peso e sulla grandezza da adulto, una ricerca su internet vi offrirà i vantaggi e le informazioni di cui avete bisogno. Continue reading

Published by:

Come addestrare un cane al guinzaglio: alcuni consigli pratici

Parecchi cani risultano essere particolarmente restii al guinzaglio: preferirebbero di gran lunga uscire di casa senza alcuna corda, senza alcun limite si sorta e nel pieno esercizio della loro libertà. Ma sappiamo bene come questi elementi possano rivelarsi rischiosi per la loro incolumità, ed è proprio per questo motivo che col passare del tempo dobbiamo cominciare ad abituarli al guinzaglio.addestrare un cane al guinzaglio

Come addestrare un cane al guinzaglio, quindi, seguendo solo pochi e pratici step? Come prima cosa offriamo al nostro amico un po’ di cibo ed in quello stesso istante provvediamo ad infilargli collare e guinzaglio: il cane assocerà il cibo al guinzaglio, cominciando così a vedere di buon occhio questa strana corda che lo tiene legato a noi! Per approfondire potete visitare questa lettura http://www.addestrareuncane.it/consigli-addestramento/ .

Proseguiamo in questo modo solo per i primi tre giorni, dopodiché, intorno al quarto giorno di esperimento provvediamo a camminare per casa con in mano il guinzaglio per il tempo che si renderà necessario affinché il cane non si avvicini a noi: a questo punto avrà fatto amicizia con il suo guinzaglio personale!

Fatto ciò usciamo pure all’aria aperta lasciando che il cane trascini con sé il guinzaglio, e avendo premura di raccoglierlo solo di tanto in tanto offrendogli la ricompensa per non essersi allontanato senza il nostro permesso. Ogni qualvolta siamo invece noi a segnare la traiettoria dobbiamo impartirgli ordini ben precisi (della serie: “Andiamo!” o “Fermo!”): se Fido seguirà i nostri ordini sarà nostro dovere ricambiargli il favore con un gustoso croccantino!

E se desideriamo sapere come addestrare un cane affinché non tiri il guinzaglio verso direzioni scelte in totale autonomia, nessun problema! Ogni qualvolta il cucciolo pensa di potersene andare dove gli pare e piace basta svoltare in senso orario la nostra passeggiata cosicché, dovendosi girare, sia costretto a raggiungerci: ripetiamo questa sorta di giravolta fino a che l’animale non avrà capito “chi è che comanda”!

Published by: