• Dimagrire in pausa pranzo: ecco cosa mangiare in ufficio

    La pausa pranzo è diventata un’ossessione a causa del poco tempo? Magari, a ciò, si aggiunge anche la voglia di perdere qualche kg accumulato durante l’estate. Il risultato finale, quindi, è che preferite passarlo davanti al computer, magari mangiando un panino. Ecco, quindi, alcuni consigli utili per perdere peso mentre lavorate.

    Prima di tutto dite addio ai panini imbottiti, e agli stuzzichini mangiucchiati durante le ore di lavoro: la prima regola d’oro è semplice, ovvero eliminare l’eccesso. Bevete, quindi, piccoli sorsi e molto spesso: ricordate che, secondo i nutrizionisti, il nostro corpo ha bisogno di almeno due litri di acqua al giorno.

    Dite addio anche agli zuccheri raffinati, ai formaggi (tutti i tipi, anche quelli definiti light), alla pasta e al riso bianco. Via libera, invece, ai legumi, alle verdure, alla quinoa e ai cereali integrali. Questi ultimi hanno un notevole pregio: rilasciano gradualmente il glucosio, e ciò permette di sentirsi sazi ed appagati per molto tempo.

    Le verdure, invece, hanno una proprietà unica: drenano perfettamente i liquidi, ed evitano la formazione dell’antiestetica cellulite (questo vale soprattutto per le donne). Infine, i legumi e la quinoa danno il giusto apporto di proteine al nostro corpo, senza per questo introdurre grassi in eccesso.

    Infine, attenzione anche al condimento che utilizzate: l’olio extravergine di oliva è perfetto per condire tutti i tipi di piatti. Inoltre, è ricco di acidi grassi che regola il buon umore, e che protegge il cuore. Abbandonate definitivamente l’aceto, e puntate sul limone: quest’ultimo è un grande alleato naturale del corpo, e permette di assimilare meglio, durante i pasti, il ferro.

    In definitiva, non avete più scuse per stare fermi davanti al pc: la pausa pranzo, grazie a questi semplici consigli, vi sembrerà meno pesante. Inoltre, in questo modo, affronterete con la pancia piena, e l’umore alle stelle, il lavoro pomeridiano.

    Published by:
  • Campionato di Serie A: l’analisi di Roma-Juventus

    Una partita da ricordare negli annali calcistici: Roma-Juventus non solo ha fatto sognare, emozionare, tremare e gioire, ma ha anche fatto emergere lacune profonde nei bianconeri. Di sicuro, questa seconda partita di campionato di serie A farà discutere per molto tempo. Ma andiamo con ordine.

    La Roma ha accolto con un clima tropicale (35 gradi, e umidità elevata) la Juventus. Quest’ultima, fin dall’inizio, non ha convinto i tifosi, mostrandosi poco aggressiva e pronta a reagire. Non a caso, al 16esimo del secondo tempo, arriva la svolta tanto attesa: Pjanic firma la prima rete, e l’Olimpico esplode dalla gioia.

    La Juventus, nonostante il goal subito, non sembra intenzionata a reagire. Nemmeno i cambi di Massimiliano Allegri sono riusciti a smuovere il gioco. L’espulsione di Evra, però, cambia le carte in tavola: i bianconeri restano in 10, mentre la Roma inizia a cambiare atteggiamento, e a mostrarsi ancora pià incisiva.

    Non a caso, al 33esimo, Dzeko raddoppia il risultato su assist di Iago Falque: da questo momento in poi, però, i giallorossi perdono mordente ed iniziano a chiudersi a riccio. La Juventus ne approfitta, e Dybala al 42esimo segna la prima rete.

    Due minuti dopo il protagonista assoluto diventa Szcesny: la sua parata su Bonucci ha impressionato cronisti e tifosi. E’ grazie a lui se, alla fine , la Roma riesce a portare a casa il risultato finale.

    Laconico il commento di Allegri subito dopo la partita: Non sono preoccupato degli zero punti in classifica -ha ammesso il tecnico – c’è solo da riordinare le idee: nel calcio succede, domani finisce il mercato e questa è una buona notizia. Quando poi riprenderemo, dopo la sosta per le Nazionali, ci metteremo a lavorare bene e da lì comincerà il nostro campionato…Sull’aspetto atletico stiamo bene, abbiamo finito in crescendo ed eravamo in 10. Conosco il valore della squadra: abbiamo preparato la Supercoppa e abbiamo perso Marchisio e Morata. La stagione è lunga: dobbiamo inseguire, ma abbiamo tutto il tempo e le qualità per farlo…”

    Published by:
  • Vacanze last minute: consigli pratici

    La maggior parte degli italiani sta lentamente rientrando dalle tanto agognate ferie estive. Eppure c’è ancora una piccola parte che, in vacanza, ci deve ancora andare. E tra di loro, ricordiamoci che abbiamo anche i famosi ritardatari, ovvero quelli che decidono sempre all’ultimo momento dove andare. A questo proposito, la domanda è quasi d’obbligo: quale meta scegliere?

    In realtà, le vacanze last minute non sono più un vero e proprio problema. Non a caso, molte agenzie si occupano principalmente di organizzare soggiorni o vere e proprie vacanze sempre all’ultimo momento. Vediamo insieme quali possono essere le mete più ricercate.

    Sicuramente l’Egitto e la Grecia la fanno da padrone assolute. Si tratta di due mete turistiche molto belle, ma che offrono anche soggiorni all inclusive davvero low cost. Conplice anche una situazione politica poco stabile, questi luoghi vengono letteralmente presi d’assalto in questi periodi.

    Anche le Maldive e le Seychelles sono mete vacanziere gettonate e ricercate. Prenotare un soggiorno last minute, poi, può risultare conveniente e molto economico. C’è solo un piccolo accorgimento da tenere sempre bene a mente: in questo periodo dell’anno i monsoni possono essere un vero e proprio problema.

    Certo è invitante riuscire a pagare una vacanza la metà del suo prezzo iniziale, ma non è altrettanto divertente passare tutto il soggiorno chiusi in casa a causa delle piogge!

    In alternativa ci sono sempre le mete europee, ovvero città d’arte prese d’assalto solo in determinati periodi dell’anno, e che ora potrebbero risultare più tranquille e visitabili. In questo caso, però, attenzione alle vostre scelte: cercate, magari, città poco frequentate e sicuramente più economiche rispetto a quelle più “famose”.

    Un esempio? Perchè non provate a visitare Berlino, Dubrovnik o la nostrana Padova o Orvieto? Insomma, le vacanze last minute possono rivelarsi davvero low cost in termini economici. E’ importante, però, fare attenzione alla propria meta: buone vacanze!

    Published by:
  • Opzioni binarie e forex

    Analisi: le opzioni binarie come non te le avevano mai spiegate

    opzioni binarieLe opzioni binarie rappresentano un mondo che sta facendo gola a molti, soprattutto a coloro i quali ripongono un certo interesse nel vedere accrescere il proprio portafoglio, nel vedere rafforzare il desiderio di indipendenza economica e che hanno a cuore un progetto di vita poggiato su basi solide e concrete. Tuttavia avventurarsi in questo mondo e vestire i panni del trader non è affatto roba da poco: prima di farlo occorre partire col piede giusto, essersi prostrati a quel minimo di studio iniziale ed avere ben chiare le fondamenta sulle quali poggia l’intero mondo delle opzioni binarie.

    Opzioni Binarie, come iniziare passo dopo passo

    Se vogliamo tentare questa via e quanto meno inizialmente ci troviamo spaesati, nessun problema, è tutto nella norma! Qualunque trader ora divenuto esperto del settore ha avuto una gavetta, ha a suo tempo consultato decine di opzioni binarie forum, ha posto agli altri utenti la fatidica domanda del “opzioni binarie: cosa sono?”, ha speso ore e ore nel tentare di capirci qualcosa o magari provato persino a cavarsela da solo. Insomma, c’è un inizio per tutto e, naturalmente, c’è anche per quel che riguarda il forex!

    Prima di compiere grandi passi in avanti e bruciare tappe che potrebbero poi rivelarsi indispensabili, il consiglio è quello di saper rispettare i tempi. Partiamo con un buon manuale alla mano che sappia fornirci un quadro quanto più completo della situazione, o magari rivolgiamoci alla rete per iniziare a capire cosa si intende per forex e quali sono le opzioni binarie opinioni che vanno per la maggiore circa questa o quella considerazione. In sostanza, iniziamo con il vagliare attentamente e con una certa qual dose di curiosità ciò che, in fondo in fondo, è un terreno assolutamente inesplorato per noi!

    Dalla teoria alla pratica: è ora del salto di qualità!

    Fatto questo possiamo andare più avanti col discorso perchè ne abbiamo appreso le nozioni fondamentali. E proprio per questo motivo siamo anche in grado di capire quando è il caso di parlare di opzioni binarie strategie, quando è il caso di parlare di opzioni binarie falla e quando invece è giunta l’ora di approfittare o rifiutare una determinata occasione di investimento. Le conoscenze maturate durante la fase iniziale di questo nostro percorso, in parole povere, ci permettono ora di mettere in pratica quei fiumi di teoria che abbiamo giustamente lasciato scorrere sotto i nostri occhi!

    Ok, abbiamo le conoscenze e anche un pizzico di tecnica. E ora che si fa? Naturalmente si parte alla ricerca di un broker opzioni binarie che possa farci da supporto in questo nostro cammino, anche perchè senza una piattaforma sulla quale dirottare i nostri investimenti, non se ne fa nulla!

    In rete esistono tantissimi siti web che si propongono di recensire quelli che – anche a detta dell’opinione pubblica – sembrano effettivamente essere i servizi più validi in circolazione. Uno tra questi è 24Option, ma ce ne sono tanti altri da valutare attentamente anche e soprattutto in relazione alle necessità riposte da ciascuno di noi. Ad esempio se abbiamo bisogno di un opzioni binarie demo anche solo per fare un po’ di pratica, è chiaro che convoglieremo le nostre attenzioni solo verso quei broker che includono nelle loro funzioni questa possibilità! Così come è automatico pensare che se avvertiamo l’esigenza di poter contare su un servizio di assistenza valido, su un’ampia platea di strumenti sui quali poter operare, su determinate condizioni di deposito e prelievo, e così via, anche in questo caso non potremo che prescindere dal tenere in considerazione una ricerca basata su suddetti parametri.

    Published by:
  • Servizi

    Spedire i fiori in Italia: consigli pratici

    mazzi di fioriL’invio di un dono floreale può sembrare, ad un primo impatto, un gesto semplice e facile da eseguire. In fondo, basta andare nel negozio di un fiorista, scegliere la composizione da donare, e pagare il tutto. Ma cosa succede se questo omaggio deve essere consegnato a qualcuno che abita in un’altra città?

    Per spedire fiori in Italia, fortunatamente, non ci sono più problemi: molti fioristi, infatti, si sono attrezzati per riuscire a rispondere a qualsiasi tipo di esigenza e richiesta.

    Si tratta, in questo caso, di un servizio di spedizione rapido che può raggiungere sia tutte le città (o i paesi) dell’Italia che il resto del Mondo. A questo proposito abbiamo sicuramente una vasta possibilità di scelta tra i vari eflora, interflora e fleurworld.com. Ma come funziona questo servizio?

    In realtà, dopo aver scelto il fiorista a cui volete appoggiarvi dovete semplicemente cercare il suo sito internet.

    Una volta fatto, non vi resta che seguire le indicazioni che trovate facilmente on line: se avete le idee ben chiare potete già scegliere il mazzo di fiori da inviare. In alternativa, potete sempre consultare il catalogo on line, cercando l’intuizione giusta per donare il mazzo di fiori perfetto. Infine, avete anche un’altra possibilità: creare da soli la vostra composizione floreale. In questo caso, però, dovete avere buon gusto e un occhio artistico accurato e molto fine.

    L’ultimo step da seguire riguarda il completamento dell’ordine: dopo aver cliccato sul tasto apposito, dovete provvedere a pagare il servizio.

    Molti fioristi si appoggiano al circuito paypal. Tuttavia, potete utilizzare anche le classiche carte di credito, postepay e (solo in alcuni casi, ben specificati) effettuare un bonifico bancario.

    Il prezzo per questo servizio varia, in realtà, in base ad una serie di fattori quali la grandezza della composizione floreale, il tipo di fiori che avete utilizzato e il loro colore. La spedizione, poi, molto spesso è già inclusa nel prezzo finale.

    Se pensate che la consegna, in questo caso, possa avvenire in qualsiasi momento vi sbagliate di grosso: durante l’ordine segnalerete esattamente quando volete far recapitare il vostro omaggio floreale e l’indirizzo esatto del destinatario.

    Ovviamente, possono capitare dei piccoli intoppi lungo il percorso (traffico cittadino, scioperi improvvisi, il destinatario non è a casa,…), ma in linea di massima sarà cura del fiorista fare in modo che tutto vada per il verso giusto.

    Spedire fiori in Italia, grazie ai servizi usufruibili su internet, non è mai stato così semplice, veloce e anche divertente. Si tratta, in fondo, di un modo diverso di preparare un regalo.

    Published by:
  • Il Barberino Designer Outlet nel Mugello

    barberino di mugelloLa regione del Mugello si trova a pochi chilometri da Firenze e può, di rigore, essere considerata come una delle aree verdi più belle e carismatiche di tutta la penisola. Si tratta di una zona collinare, che però si propone comoda e strategica per raggiungere tutte le città d’arte toscane, in primis Firenze, ma anche Siena, Lucca, Pisa e Livorno.

    Il Mugello è famoso anche perché in questa regione si trova uno degli outlet di moda e di design più acclamati di tutto il paese, il Barberino Designer Outlet, meta di pellegrinaggio da parte di tutti gli amanti della moda e del design. Si tratta di uno spazio organizzato come un vero e proprio villaggio, ricchissimo di negozi di alta moda e grandi griffe che permette di trascorrere una giornata diversa dal solito durante il soggiorno.

    Il Barberino Designer Outlet è raggiungibile attraverso le maggiori arterie stradali della regione e dispone di un ampio parcheggio, proporzionale alla sua portata. Al suo interno si trovano negozi davvero esclusivi, che propongono capi di abbigliamento, accessori e calzature, ma anche tante proposte per la casa delle griffe più note a prezzi molto scontati. Con l’avvento dei saldi stagionali l’outlet viene preso di mira dagli amanti della moda, in quanto le già convenienti occasioni si propongono ancor più scontate e quindi appetibili.

    Il centro è immenso, pulito e ben sorvegliato, ma soprattutto dotato di ogni servizio e di personale multilingue.

    Chi sceglie di visitare questo tempio della moda può quindi alloggiare in un bed and breakfast in Toscana e dedicare una giornata o un pomeriggio alla visita di questo luogo così speciale, dove è possibile cogliere ottime occasioni di acquisto e anche informarsi sulle tendenze della moda. Il luogo è incastonato fra le dolci colline del Mugello, un luogo magico dove è possibile incontrare tanti luoghi di ristoro tipici e dove cogliere l’opportunità di assaggiare la golosa e tradizionale cucina toscana.

    Published by: